Impero Songhai

(VII - XVI secolo). L’impero Songhai fu l'ultimo in ordine cronologico dei tre grandi imperi sudanesi (Sudan) che dominarono le regioni dell'ansa del Niger. Costituito nel VII secolo dalle genti Songhai sul medio corso del Niger, crebbe a partire dal X secolo sotto la dinastia Sa, che adottò l'Islam (XI secolo) e portò la capitale a Gao. Tra il 1324 e il 1336 su sottomesso al Mali, dall’allora imperatore Mansa Musa. Grazie a Sonni Ali Kilnu la nazione si liberò dal dominio dell'Impero Mali nel 1336 e sempre grazie a lui, fu stabilita una nuova dinastia animista. La vera espansione dell’Impero Songhai nacque col re islamico Sonni Ali Ber (1464-1492) che con una serie di campagne militari riuscì a conquistare le terre rimanenti dell'Impero del Mali, che era caduto in rovina e a occupare temporaneamente le città di Timbuktu e di Djenné contrastando l'avanzata dei Mossi e dei Fulbe.

Grazie a queste conquiste Sonni Ali Ber riuscì a controllare rotte commerciali che portarono grandi ricchezze, anche maggiori di quelle dell'Impero Mali. A Sonni Ali Ber successe Askia Mohammad I, del popolo mandè. Askia Mohammed conquistò definitivamente Timboctou (1546), occupò parte del Mali e portò i confini dell'impero fino al Marocco a nordovest e alle città hausa a sudest (odierna Nigeria). Askia Mohammad fece riforme in molti campi e da devoto musulmano riuscì a completare il pellegrinaggio verso La Mecca. Sotto la dinastia musulmana soninke degli Askia il Songhai ebbe l'apogeo di splendore e potenza, mentre le quattro metropoli di Gao, Timboctou, Djenné e Qualata divennero centri di cultura e di traffici rinomati in tutto il mondo islamico e mediterraneo. Songhai prosperò fino alla fine del XVI secolo, fino alla fine del regno di Askia Dawud. Dopo la sua morte vi fu una guerra civile che portò all'indebolimento l'impero. Nel 1591 un esercito marocchino guidato da Judar Pascià invase e sconfissero l'impero (nella battaglia di Tondibi), devastandolo e distruggendo Gao, Timbuktu e di Djenné,  ponendo fine all'Impero Songhai. Dopo la sua caduta, l’Impero non si riprese più, e la riscossa di Fulani, mossi e hausa lo frammentò in diverse entità, tra cui il piccolo regno del Songhai ridotto ai territori ancestrali.

Informazioni

Il mio sito web

Navigando nel sito avrai modo di conoscere l'Associazione. Potrai sceglere anche di collaborare con noi o sostenere i nostri progetti e le nostre iniziative.